domenica 4 dicembre 2016

"Agorafobia". Qualche spunto di riflessione

Siamo creature complesse, i confini del nostro essere sono molto più ampi di quel che abitualmente si pensa. La nostra parte profonda, tutt'altro che elementare, inconsapevole e "istintiva", dando a questo termine il significato di automatica nelle sue espressioni e semplicemente ripetitiva di schemi appresi o ereditati, è ben presente e attiva nella nostra vita. Passo passo ci accompagna in modo attento e intelligente, non rinunciando mai a darci (attraverso l'esperienza del sentire, nel succedersi mai casuale di emozioni e di stati d'animo, di svolgimenti interiori, sempre significativi, così come, in modo estremamente approfondito, attraverso i sogni) spunti e occasioni di presa di coscienza. E' la parte di noi stessi che non bada a trovare un adattamento qualsiasi e comunque, a far funzionare le cose secondo regole di pretesa normalità, ma che interroga come siamo e come procediamo, che riconosce l'intimo e non l'apparente, il perchè vero che ci muove nelle nostre risposte e nelle nostre scelte, che sa vedere il senso, a cosa portano. La nostra parte profonda custodisce e sa ciò di cui, come individui particolari e originali, siamo portatori e che potremmo sviluppare, ciò che ci è insito e congeniale. Non trascura di considerare il modo in cui ci stiamo facendo interpreti della nostra vita, non si lascia di certo persuadere dalle apparenze. Se la cosiddetta normalità, se l'andar dietro a modelli e a idee comuni ci sta bastando, se ci sta addormentando, se sta esaurendo la nostra ricerca, se ci sta sostanzialmente fuorviando dalla scoperta e dalla realizzazione del nostro scopo, se procediamo ciechi, cioè inconsapevoli del reale perchè e delle implicazioni di ciò che stiamo facendo, la nostra parte profonda, che ha occhi ben aperti, che è ben sveglia, non rinuncia a far sentire la sua voce, a esercitare la sua interferenza con interventi, con condizionamenti interni (tipo paure e blocchi, che poi qualcuno etichetterà come fobie, come "agorafobia" ad esempio) che non sono mai casuali, mai buttati lì in modo qualsiasi. Se è ora di fermarci, perchè non ce n'è di risorsa nostra per procedere, perchè è ora di fare il pieno di consapevolezza, di formare su basi di intesa non noi stessi un nuovo modo di vedere, di riconoscere senza autoinganni e illusioni come stiamo procedendo, guidati da che cosa, se è tempo di mettere assieme un bagaglio di convincimenti nostri e non ripetitivi d'altro, fondati, di chiarimenti circa ciò che ci è insito e congeniale e che la nostra vita potrebbe tradurre in essere, perseguire come scopo, ecco che fermare l'abituale corsa e il procedere solito e disinvolto diventa la prima necessità, il primo segnale forte. Non è tempo di andare fuori, la priorità dettata dal profondo, che crea un impedimento di paura al muoversi all'esterno, è imparare a ritrovarsi, a avvicinarsi alla propria interiorità, al dentro per trovare ciò che manca, per poi tornare a muoversi liberamente, ma con il proprio di idee e di chiarimenti, con il proprio progetto.